SocialDay - Una mano tira l'altra. Volontari per un giorno.
Social day
  • è cittadinanza attiva.
  • è sporcarsi le mani.
  • è formazione.
  • è volontariato.
  • è raccolta fondi.
  • è fare assieme.
  • è costruire futuro.

Countdown

14 aprile 2018
Ti aspettiamo!

Saremo in più di 10.000 ragazzi e ragazze delle scuole elementari, medie e superiori della provincia di Vicenza, Treviso, Padova, Verona, Trento, Pisa, Lodi e Milano.

Filtra i progetti

2018

SENEGAL -

SENEGAL - "Vivere a Malika, nonostante la precarietà economica e la presenza della discarica"

Periodo: 2018

Luogo: Africa - Senegal

Finanziamento: ? euro

Area: Padova

Malika è un sobborgo di Dakar, in Senegal. Mucchi di case raffazzonate sorgono nei pressi di una enorme discarica che rappresenta la vita e la morte per gli abitanti di Malika. La vita perché molte persone vivono rovistando nella spazzatura in cerca di qualcosa da rivendere o riutilizzare. La morte perché malattie e precarietà si accompagnano a questa triste attività.

Da alcuni anni stiamo sostenendo con il microcredito una serie di piccole realtà imprenditoriali che sono nate a Malika e ne stiamo incoraggiando di nuove. Malika sta lentamente cambiando e la vita dei suoi abitanti sta migliorando.

Beneficiari: 100 piccoli operatori economici attivi nel comune di Malika che potranno avere accesso al credito e ad iniziative di formazione per migliorare le proprie attività. Il progetto avrà una ricaduta su tutta la popolazione di Malika in termini di aumento delle occasioni di lavoro e di sviluppo dell’economia locale.

LIBERA - Progetto "Teranga" Cooperativa Sociale "Di tutti i colori"​

Periodo: 2018

Luogo: Africa - LIBERA - Progetto "Teranga"

Finanziamento: ? euro

Area: Rovigo

Premessa
Dalla fuga, all’approdo, alla prima accoglienza, all’integrazione. Cammino difficile, costellato di situazioni dolorose, punteggiato da interrogativi, impedimenti e diffidenze.
Dopo un periodo di permanenza in strutture di accoglienza, il rifugiato o richiedente asilo dovrà affrontare un contesto esterno semi-sconosciuto ed estraneo, nel quale dovrà inserirsi, destreggiarsi nella ricerca di lavoro e alloggio. Questa nuova ricerca di inserimento sarà per lui – particolarmente se giovane o neo-maggiorenne - rischiosa, con probabilità di insuccesso e di emarginazione sociale.

Obiettivi del progetto: la costruzione di una rete sociale per fronteggiare il rischio della solitudine ed emarginazione, soprattutto nel momento di uscita dal progetto di accoglienza dei beneficiari, attraverso l’organizzazione di attività ricreative, sportive, di formazione e di socializzazione, rivolte agli ospiti delle strutture della cooperativa e alla comunità.

GIORDANIA -

GIORDANIA - "Uno spazio di socialità in Giordania", Non Dalla Guerra

Periodo: 2018

Luogo: Asia - Giordania

Finanziamento: ? euro

Area: Vicenza

Rinnovare uno spazio sociale per giovani giordani iracheni e siriani
Uno spazio senza barriere, ma di condivisione di esperienze e tempo
Restaurazione parrocchia e risistemazione spazi condivisi (cucina, container, cortile)
Permettere a tutti di vivere lo spazio parrocchiale, dare la vita allo stesso tempo rendendolo accessibile a gruppi esistenti o alla formazione di gruppi di giovani della comunità
Iniziare dei corsi artistici (disegno, musica), manifatturieri, di imprenditorialità giovanile e di informatica
Obbiettivo generale: riutilizzare una struttura per ospitare

NEPAL -

NEPAL - "Ora o mai più", Women For Freedom Onlus

Periodo: 2018

Luogo: Asia - Nepal

Finanziamento: ? euro

Area: Vicenza

Il progetto si propone di fornire una risposta concreta ed altamente efficace al dramma del traffico umano di ragazze minorenni nepalesi verso i bordelli delle maggiori città indiane. Tale risposta si concretizza nel sostegno economico ad una delle dodici Transit Homes di Maiti Nepal, partner del progetto qui presentato. Le Transit Home sono strutture di prima accoglienza poste lunga il confine tra Nepal e India nelle quali le bambini e ragazze Nepalesi (12000 ogni anno), già state rapite e desinate a diventare vittima della prostituzione, vengono ospitate dopo essere state intercettate e tratte in salvo dalle autorità locali in collaborazione con il personale dell’associazione partner del progetto, Maiti Nepal. Queste strutture rappresentano l’ultima speranza per queste giovani prima di scomparire completamente, nonché il primo porto sicuro a cui approdano una volte tratte in salvo. Qui le bambine e ragazze trovano aiuto psicologo, consulenza legale, protezione e un programma di recuperare volto e reinserirle efficacemente nella società, e a fornire loro i mezzi per diventare loro stesse promotrici della prevenzione nelle loro comunità di appartenenza.

CAMBOGIA -

CAMBOGIA - "Un sorriso per i bimbi della discarica", Ida Onlus

Periodo: 2018

Luogo: Asia - Cambogia

Finanziamento: ? euro

Area: Vicenza

Con questo progetto si vuole fare un aiuto e sostegno alle donne con bimbi dai 4 ai 7 anni della nuova discarica di Phnom Penh ora distante solo 5 chilometri dal nostro villaggio.
Normalmente questi bimbi non frequentano scuole e vengono lasciati in balia di loro stessi oppure accuditi dai più grandi se ci sono, mentre le madri vanno a raccogliere rifiuti in discarica.
Si vuole acquistare un “tuk-tuk”, un tipo di carrettino agganciato ad una moto per trasporto di persone, qui normalmente in uso, per poter andare fino alla discarica e prelevare una quindicina di bimbi per portarli al nostro centro dove due ragazze li laveranno, daranno una merenda e una di loro farà delle attività didattiche adatte alla loro età mentre l’altra preparerà il pranzo.
A mezzogiorno verrà dato loro da mangiare poi dei giochi e nel pomeriggio verranno riportati alle rispettive madri.
Questo dal lunedì al venerdì
In tutto questo si pensa anche di coinvolgere a turno un ragazzo o ragazza della nostra scuola per aiutare le due tutrici.

MESSICO - "Quando la terra trema possono cadere tutti i muri ma non il sorriso", Questacittà

Periodo: 2018

Luogo: Sudamerica - Messico

Finanziamento: ? euro

Area: Vicenza

Il giorno 8 settembre 2017 la terra a sud del Messico (stato del Chiapas) ha tremato: la scossa di magnitudo 8.1 è stata la prima delle scosse che nel mese di settembre hanno coinvolto l’interno Messico.
Il terremoto ha colpito soprattutto la zona costiera provocando il crollo di molte case e forti disagi per la popolazione. Il Centro Educativo Casa Gandhi (situato a San Cristobal De Las Casas) ha colto la richiesta di aiuto proveniente dal Centro Diritti Umani Digna Ochoa e vuole sostenere le popolazioni colpite dal sisma mettendo in gioco le proprie competenze e risorse.
Il Centro Educativo dal 2011 su apre alle bambine, ai bambini, ai ragazzi e alle ragazze con l’obbiettivo di dare una formazione educativa completa agli ospiti di Casa Gandhi, alimentando da un lato il rispetto per la Madre Terra (potenziare la coscienza ecologica) e dall’altro puntando a rafforzare l’apprendimento scolastico delle giovani generazioni.
I volontari del Centro intendono contribuire alla ricostruzione delle zone colpite dal sisma con laboratori ludico-educativi per l’infanzia, laboratori di produzione alimentare sfruttando le materie prime che il territorio li offre.

GUATEMALA -

GUATEMALA - "Mojoca, Movim​e​nto Giovani di strada di Città del Guatemala"

Periodo: 2018

Luogo: Sudamerica - Guatemala

Finanziamento: ? euro

Area: Treviso

Il MoJoCa – Movimiento de Jovenes de la calle è stato fondato nel 1999 dallo psicologo dell’età evolutiva belga Gerard Lutte, per aiutare i ragazzi e le ragazze di strada della città del Guatemala.
Attraverso l’educazione di strada oggi l’associazione accompagna i ragazzi, affinchè possano progettare nuovi percorsi di vita alternativi alla strada. Attraverso l’autogestione, si cerca di stimolare la capacità insita in ogni essere umano di lottare per migliorare le proprie condizioni di vita, in maniera collettiva. Attualmente l’associazione è gestita da ex ragazzi e ragazze di strada.
Nel corso degli anni, sono state fondate tre case: due prevedono l’accoglienza distintamente di ragazzi e ragazze di strada, la terza, chiamata Casa dell’amicizia costituisce una fase di transizione.

TOP