Social day
  • è cittadinanza attiva.
  • è sporcarsi le mani.
  • è formazione.
  • è volontariato.
  • è raccolta fondi.
  • è fare assieme.
  • è costruire futuro.

14 aprile 2016 « Torna indietro

Dall'io al noi

Il 16 aprile tutti pronti a #cambiareleregole con il Social Day 2016: il lungo viaggio del cambiamento comincia sempre dal primo passo di ciascuno di noi.

Dall'io al noi

Un albero il cui tronco si può appena abbracciare
comincia con un minuscolo germoglio.
Una torre alta nove piani
comincia con un mucchietto di terra.
Un viaggio di mille miglia
comincia sotto la pianta dei tuoi piedi

Laozi

Il nostro viaggio di mille miglia ha raggiunto il traguardo di 10 anni, quest’anno. E non c’è mai stato un anno che non si sia partiti dal primo passo, dal primo mucchietto di terra, dal minuscolo germoglio. Perché il Social Day vive di questa logica paradossale: per cambiare il mondo, comincio da me.

E quanti, hanno cominciato a cambiare il mondo da sé? Ogni anno sempre di più, anche quest’anno ci avviamo a nuovi record, di presenze e di raccolta fondi. Non solo giovani, che ovviamente sono il motore vero del Social Day, seguendone tutte le tappe con passione e meticolosità. Anche migliaia di adulti credono in questo cambiamento folle che chiede sempre il primo passo: accogliendo, ospitando, aprendo porte, rischiando, progettando, investendo.

Sabato 16 aprile, mentre ciascuno sarà impegnato nella propria attività, in tanti ci seguiranno con entusiasmo da altre parti del nostro pianeta, in tutti quei luoghi coinvolti nella raccolta fondi 2016. Da Kilolo, in Tanzania, dove sosterremo il progetto “Dal seme al cibo” per sostenere lo sviluppo agricolo locale; dal Burkina Faso, per la realizzazione di una radio culturale chiamata “Radio Soleil”; da Phnom Penh, in Cambogia, dove saremo al fianco di chi trasformerà mine anti-uomo in oggetti di bellezza per l’uomo; da due villaggi in Senegal, per la realizzazione di un nuovo pozzo per l’acqua e l'installazione di un impianto ad energia, e per l’avvio di attività di ortofrutticoltura; dal Perù e dalla Bolivia, per contrastare gli attuali livelli di precarietà che caratterizzano i lavoratori e le lavoratrici delle filiere del caffè; da Hinche, Haiti, per fornire l’accesso a fonti di energia alternative a legna e carbone, ecocompatibili e sostenibili; da Bogotà, in Colombia, per promuovere una cultura della resistenza non violenta all'interno di spazi educativi informali; e infine, dall’Italia, in tre comuni del trapanese, con la Cooperativa Libera Terra “Rita Atria”, per sostenere l’avvio di una fattoria sociale di agricoltura biologica su terreni confiscati alla mafia.

E allora, ancora una volta, quella mattina proveremo a segnare il passo del cambiamento, tutti insieme, nessuno escluso.
Ognuno per raccontare la sua storia, ognuno per riscrivere la storia di tutti.
A partire dall’io, per arrivare al noi.

#socialday2016
#cambiareleregole

Vedi anche

Countdown

14 aprile 2018
Ti aspettiamo!

Saremo in più di 10.000 ragazzi e ragazze delle scuole elementari, medie e superiori della provincia di Vicenza, Treviso, Padova, Verona, Trento, Pisa, Lodi e Milano.



TOP