Social day
  • è cittadinanza attiva.
  • è sporcarsi le mani.
  • è formazione.
  • è volontariato.
  • è raccolta fondi.
  • è fare assieme.
  • è costruire futuro.

16 marzo 2015 « Torna indietro

Una quesera per Shuyo

Notizie dal progetto finanziato nel barrio di Shuyo in Ecuador con la raccolta fondi del Social Day 2014.

Una quesera per Shuyo

Riceviamo e pubblichiamo questo aggiornamento dal progetto "Una quesera per Shuyo", finanziato dal Social Day 2014.

La “quesera”, in italiano caseificio, e’ situata a Shuyo, una comunità della parrocchia di Angamarca, provincia del Cotopaxi. Shuyo è un piccolo quartiere che si trova a 2.800 m slm. Qui la gente vive prevalentemente di agricoltura e di allevamento.

L’idea di iniziare questo progetto è nata guardando alle risorse del territorio. È una vallata verde, ricca di acqua quindi si presta per l’allevamento. Non essendo presenti particolari risorse lavorative nel territorio, se non quelle sopra elencate, la gente, soprattutto i giovani vanno in cerca di fortuna in città, qualcuno la trova, molti si perdono. Il progetto nasce quindi per offrire ai giovani una alternativa al fuggire in città, imparare un lavoro onesto per poter mantenere le famiglie di origine.

Nella quesera si lavorano circa 200 litri di latte al girono, che ora con l’arrivo della strumentazione dall’Italia possono diventare fino a 500 litri.

Il latte lo acquistiamo dalla gente, visto che in molti possiedono almeno una mucca. Per loro rappresenta una entrata economica e per chi trasporta il latte anche un’occupazione diurna. In questo modo riusciamo ad aiutare economicamente una 20ina di famiglie e si crea una relazione con loro. Il progetto futuro è anche di migliorare le culture per l’alimentazione dei bovini e di migliorare la razza bovina.

Intanto stiamo proseguendo a piccoli passi, ora è stato terminato l’ampliamento del caseificio per ospitare la nuova strumentazione (donataci dall’Italia) , e ampliamento della parte della stagionatura dei formaggi.

In questi mesi abbiamo la grande fortuna di ospitare un signore, casaro in pensione di Breganze, che ci sta insegnando a utilizzare la strumentazione, le tecniche della lavorazione del latte, e di stagionatura e altri consigli utili.

Siamo ancora in fase di sperimentazione, per capire il prodotto migliore da poter offrire sul mercato.

Questo sarà il passo successivo: offrire il prodotto sul mercato, però per questo bisognerà mettersi in regola, avere permessi e registro sanitario.

Un passo alla volta..

Grazie anche al vostro contributo siamo riusciti a realizzare questa struttura e rendere funzionante il caseificio.

Vi mando le foto iniziali del lavoro, dalle fondamenta e foto dei lavori ultimati.

Download

Vedi anche

Countdown

14 aprile 2018
Ti aspettiamo!

Saremo in più di 10.000 ragazzi e ragazze delle scuole elementari, medie e superiori della provincia di Vicenza, Treviso, Padova, Verona, Trento, Pisa, Lodi e Milano.



TOP