Social day
  • è cittadinanza attiva.
  • è sporcarsi le mani.
  • è formazione.
  • è volontariato.
  • è raccolta fondi.
  • è fare assieme.
  • è costruire futuro.

03 marzo 2015 « Torna indietro

Nelle nostre mani

Coinvolgente incontro di presentazione del Social Day bassanese, Venerdì 27 febbraio in Aula Magna a S. Croce di Bassano

Nelle nostre mani

È proprio vero che il futuro, anzi il presente, è nelle nostre mani. Anche il Social Day sembra confermare, ogni anno di più, questa consegna virtuale del suo percorso ai giovani e al territorio: Venerdì 27 febbraio, infatti, in Aula Magna dell'oratorio di S. Croce a Bassano si è consumato il primo atto del lungo percorso che porterà al 18 aprile, di cui ogni singolo passo - compreso l'incontro di venerdì - è stato e sarà curato dai giovani del Board Bassano (il coordinamento dei referenti delle Scuole Superiori).

I ragazzi del Board ci hanno raccontato molto del Social Day: ci hanno detto che non è una semplice giornata di lavoro, ma un modo concreto per cambiare le regole di un mondo che così non ci piace; ci hanno raccontato che il nostro concetto di felicità è un po' distorto, e che forse dovremmo imparare dalla Costa Rica, il paese più felice al mondo secondo un indice che non tiene conto soltanto conto della ricchezza economica: senza un esercito da molti anni, la Costa Rica è terra di benessere, giustizia e pace sociale. Quello che - ci hanno detto i ragazzi - cercheremo di costruire anche con quest'edizione del Social Day, finanziando progetti (scelti dai giovani delle Scuole Superiori) che andranno a sostenere l'edificazione di scuole, biblioteche, dispensari di farmaci, e molto altro (come potete vedere dal pdf in allegato all'articolo, ndr).

Ora è il tempo di promuovere l'iniziativa nelle scuole e in tutto il territorio: il fermento comincia, i passi si fanno più lunghi e veloci. Arrivederci al 18 aprile!

Vedi anche

Countdown

14 aprile 2018
Ti aspettiamo!

Saremo in più di 10.000 ragazzi e ragazze delle scuole elementari, medie e superiori della provincia di Vicenza, Treviso, Padova, Verona, Trento, Pisa, Lodi e Milano.



TOP