Social day
  • è cittadinanza attiva.
  • è sporcarsi le mani.
  • è formazione.
  • è volontariato.
  • è raccolta fondi.
  • è fare assieme.
  • è costruire futuro.

13 novembre 2014 « Torna indietro

È troppo tardi per essere pessimisti

Finito il ciclo di formazioni per i giovani degli Staff dell'area bassanese del Social Day. Tre giorni intensi e ricchi di contenuti: è troppo tardi per il pessimismo, è tempo di sporcarci le mani, tutti insieme.

È troppo tardi per essere pessimisti

Con martedì 11 novembre si è chiuso il ciclo di formazioni che ha coinvolto i giovani che entreranno a far parte dell'area bassanese del Social Day.

Un pomeriggio, il 30 ottobre, e due mattine, il 5 e l'11 novembre, hanno visto quasi 100 ragazzi provenienti da tutti gli Istituti Superiori di Bassano confrontarsi e ragionare insieme sui temi fondanti del Social Day: gli stili di vita, la solidarietà, la giustizia sociale ed ambientale.
Durante le mattinate, i ragazzi hanno vissuto momenti particolarmente significativi di gruppo: ne sono emersi dei video prodotti in tempo reale con l'utilizzo degli smartphone, a dimostrazione che questa è una generazione che sa usare la tecnologia anche con saggezza e innovazione.
Alcune domande hanno fatto da sfondo a tutto il percorso formativo, domande scomode, complesse, affatto scontate: che cosa siamo disposti a cambiare dei nostri stili di vita, della nostra relazione con l'economia di mercato e con il consumismo? E quali regole vogliamo impegnarci a cambiare, nel mondo? Che cosa possiamo fare, poi, per riequilibrare lo sbilanciamento terribile della distribuzione della ricchezza mondiale?

Ora la palla passerà agli Staff delle singole scuole, incaricati di trovare nel Social Day una piccola ma concreta possibilità per cambiare le regole e sporcarsi le mani. È troppo tardi per il pessimismo, ed è già tempo di Social Day.

#cambiareleregole
#socialday
#besocial
#sporcarsilemani

Vedi anche

Countdown

14 aprile 2018
Ti aspettiamo!

Saremo in più di 10.000 ragazzi e ragazze delle scuole elementari, medie e superiori della provincia di Vicenza, Treviso, Padova, Verona, Trento, Pisa, Lodi e Milano.



TOP